storia

L'hockey su ghiaccio viene inserito ai Giochi Olimpici del 1920

Il gioco nasce e si diffonde ovviamente in paesi nordici dotati di laghi o fiumi ghiacciati. Nascono forse in Olanda e in Inghilterra gli antenati dell’hockey su ghiaccio, il kolv, il bandy, lo shinty, l’hurling. Sono proprio queste discipline a migrare verso il Nord America, soprattutto come passatempo preferito delle truppe britanniche durante i mesi invernali. L'era moderna dell’hockey su ghiaccio ha inizio in Canada, a Montréal (il termine hockey derivi dal francese hocquet, «bastone ricurvo») nel 1875, quando due squadre universitarie si affrontano nella prima gara indoor utilizzando per la prima volta, invece della consueta pallina, un disco di legno in grado di scivolare sul ghiaccio e rifacendosi alle prime regole stilate tre anni prima ad Halifax (e per questo dette «Halifax Rules»). Nel 1877 vengono codificate le prime sette regole del gioco, le cosiddette Montréal Rules, mentre nel 1880 nasce il primo club, quello della McGill University. Sono anni in cui la disciplina è in continua evoluzione, soprattutto per quanto riguarda il numero dei giocatori per squadra, ridotto progressivamente da 9 a 7. Nel 1892 il Governatore generale del Canada, Lord Stanley, decide di assegnare una coppa alla squadra vincitrice del Winter Carníval dí Montréal che dall’anno seguente assume il nome di Stanley Cup, e viene messo in palio fra squadre provenienti da tutto il Dominion canadese. Con la disputa della prima gara in territorio statunitense, nel 1893, tra gli studenti dell'università di Yale e quelli della John Hopkins, l’hockey su ghiaccio compie il passo definitivo verso il professionismo; il numero dei giocatori viene fissato in 6 elementi per squadra. Il 1917 è l’anno di fondazione della National Hockey League (NHL), che nel 1926 diviene l'unica lega deputata ad assegnare la Stanley Cup e l'espressione massima della disciplina a livello mondiale. Al 1908 risale la nascita della IIHF, l'organismo internazionale che funge da raccordo tra le singole federazioni, responsabile anche dell'organizzazione del torneo olimpico disputato dai Giochi di Anversa del 1920, dei Mondiali e, a livello dí club, dell'European Hockey League, che dalla stagione 2008-09 assume la denominazione di Champions Hockey League. Per quanto riguarda l’Europa, le fonti fissano il primo incontro ufficiale tra il 1885 e il 1895; dopo una fase di predominio della scuola britannica, protrattosi fino alla seconda guerra mondiale, a emergere sono le scuole di Svezia e Finlandia, ma soprattutto di Cecoslovacchia e Unione Sovietica: proprio ì sovietici, vincitori di 7 ori olimpici (praticamente ín tutti i Giochi tra il 1956 e il 1992, eccettuate due edizioni, vinte dagli USA) e di 22 ori mondiali, sono protagonisti degli incontri più epici della storia di questo sport, sia contro Canada (l'interminabile sfida del 1972, decisa in favore dei canadesi da un goal all'ultimo minuto di gara) e Stati Uniti (il cosiddetto «Miracle on ice» delle Olimpiadi invernali di Lake Placid del 1980, in cui la squadra americana, composta da giocatori dilettanti e universitari, sconfigge in finale la squadra sovietica), sia contro la Cecoslovacchia. Le date suggeriscono facilmente che entrambe le rivalità e gli scontri superano i confini dello sport e assumono rilevante significato politico, intrecciandosi con la grande Storia come spesso è avvenuto per lo sport. Dopo la dissoluzione dell'URSS alcuni dei migliori giocatori finirono nelle squadre statunitensi o canadesi della NHL. Per quanto riguarda i Giochi olimpici, i professionisti della NHL vengono ammessi solo dal 1998, anno in cui fa il suo esordio olimpico anche la squadra femminile. Un'altra manifestazione per nazioni di grande tradizione è la World Cup, denominata Canada Cup dal 1976 al '91, vero e proprio Mondiale per professionisti con cadenza irregolare. I Campionati mondiali vengono organizzati per la prima volta nel 1920 e disputati a cadenza annuale dal 1930, dominati a fasi alterne da Canada e Urss. Anche in Italia l’hockey su ghiaccio si diffonde nelle regioni del nordi, in primis in Trentino Alto Adige (dove questo sport, come in Svizzera, ha molti più spettatori del calcio), seguito da Veneto, Lombardia, Piemonte e Valle d'Aosta. La prima partita si tiene a Torino nel 1911, il primo Campionato italiano si svolge nel 1925. L'organismo nazionale responsabile dei Campionati e dello sviluppo del movimento è la FISG, fondata nel 1926.

www.fisg.it

www.iihf.com       

 

Hockey - Medagliere storico (aggiornato ai Giochi 2018)

Pos.  Sigla  Nazione   Oro   Argento   Bronzo   Totale 
CAN CANADA 9 4 3 16
URS  UNIONE SOVIETICA      7 1 1 9
3 USA STATI UNITI D'AMERICA  2 8 1 11
4 SWE SVEZIA   2 3 4 9
5 CZE REPUBBLICA CECA 1 0 1 2
6 GBR GRAN BRETAGNA 1 0 1 2
7 OAR ATLETI OLIMPICI RUSSIA   1 0 0 1
7 EUN SQUADRA UNIFICATA *     1 0 0 1
9 TCH CECOSLOVACCHIA 0 4 4 8
10 FIN FINLANDA    0 2 4 6
11 GER GERMANIA 0 1 1 2
11 RUS RUSSIA 0 1 1 2
 
* Squadra Unificata: ex Unione Sovietica nei Giochi del 1992
** Atleti Olimpici di Russia: nei Giochi del 2018