storia

Lo snowboard viene inserito ai Giochi Olimpici del 1998

La storia dello snowboard, la più giovanedisciplina invernale, si intreccia con quella del surf. Infatti è in California, tra gli anni Sessntae Settanta che alcuni surfisti decidono di sbizzarrirsi scivolando su un pendio innevato con una tavola da surf. Lo «snurfer» realizzato ne11965 da Sherman Poppen, un ingegnere del Michigan, è nelle intenzioni del­l'inventore nulla più che un semplice monosci, che però i figli utilizzano di traverso, alla maniera del surf: ben presto il prototipo diventa un prodotto industriale. Nel 1977, J. Burton Carpenter svi­luppa alcuni modelli di tavola innovativi, con stra­ti laminati, fibre di vetro e una struttura molto più resistente, dando vita ai primi snowboard da competizione. Negli anni Ottanta la disciplina prende piede in tutto il mondo, dando vita ai primi snow­park. Negli Stati Uniti si disputa nel 1982 il primo Campionato nazionale e l'anno successivo, la prima edizione dei Campionati del mondo. Nel 1987 si disputa la pri­ma Coppa del mondo e nel 1991 ha luogo la prima edizionedei Campionati europei. Nel 1990 nasce l'ISF (Inter­national Snowboard Federation), che continua ad operare in opposizione alla FIS, che regolamenta la disciplina dal 1994 ed è l’unica riconosciuta dal CIO. Lo snowboard entra a far parte del programma olimpico a Nagano nel 1998 con le specialità dello slalom gigante e dell'half pipe. All'Olimpiade di Salt Lake City del 2002 si disputano le gare di half pipe e slalom gigante parallelo, mentre ai Giochi di Torino del 2006 si aggiunge lo snowboard cross e nel 2014 a Sochi vengono introdotti lo slopestyle e lo slalom parallelo. In Italia inizia a diffondersi nei primi anni Ottanta a Bardonecchia. L'attività nazionale si svolge sotto il controllo della FISI.

 

Snowboard - Medagliere storico (aggiornato ai Giochi 2018)

Pos.  Sigla  Nazione   Oro   Argento   Bronzo   Totale 
USA STATI UNITI D'AMERICA   14 7 10 31
SUI  SVIZZERA 8 2 3 11
3 FRA FRANCIA 4 4 4 12
4 CAN CANADA 4 4 3 11
5 RUS RUSSIA 2 2 1 5
6 AUT AUSTRIA 2 1 4 7
7 CZE REPUBBLICA CECA 2 0 1 3
8 GER GERMANIA 1 4 2 7
9 AUS AUSTRALIA 1 2 1 4
10 ITA ITALIA 1 1 1 3