Triathlon

competizioni

 
triathlon m 2012
 
 
 
gara maschile e gara femminile
nelle tre discipline:
 
1,5 nuoto, 40 km bicicletta, 10 km corsa
 
 
 
RISULTATI A CONFRONTO
 
 
atenepechino nuovo  londra logo nuovo
 

regole

È uno sport multidisciplinare che prevede lo svolgimento di 3 frazioni di gara senza interruzione: una di nuoto, una di ciclismo e una di corsa.
Una competizione può vedere impegnati nello stesso contesto uomini e donne: in questo caso, però, la partenza delle donne dev'essere separata, se possibile, di almeno 20 min da quella degli uomini.
Le distanze olimpiche delle 3 frazioni sono 1,5+40 + 10 km.
Nuoto. Al momento dell'inizio della prova è attivato il cronometro, che viene fermato solo a conclusione dell'ultima frazione di gara, alla fine della prova di corsa. La partenza viene data in contemporanea a tutti gli atleti se la gara si svolge in specchi d'acqua naturali; a gruppi qualora la competizione sia in piscina. La prova si ritiene conclusa quando l'atleta ha oltrepassato la linea d'inizio della prova di ciclismo.
Ciclismo. La prova si svolge su strade asfaltate; durante la gara lo sfruttamento della scia è consentito solo fra atleti dello stesso sesso.
Corsa. Terminata la frazione di ciclismo si affronta quella di corsa: gli atleti devono correre su strade con fondo solido.
Al termine delle prove vengono stilate le classifiche: quella generale, quella maschile, quella femminile, quella per categorie (che si considerano costituite se alla gara sono iscritti almeno 5 atleti della stessa categoria) e la classifica a squadre. In quest'ultimo caso la classifica viene stilata sommando, per ogni squadra, i 3 migliori tempi ottenuti nelle varie discipline.

storia

Il triathlon è stato inserito ai Giochi di Sidney del 2000
 
Nasce nel 1977 da un'idea dello statunitense J. Collins, un co­mandante della marina di stanza alle Hawaii. Dal­l'anno successivo, mentre il San Diego Track Club la certifica come disciplina organizzandone le pri­me tecniche di preparazione, l'arcipelago del Paci­fico è teatro dell'Ironman World Championship, la più celebre e dura competizione di triathlon al mondo. La disciplina si sviluppa con rapidità negli Stati Uniti, prima di sbarcare in Europa, Australia e Nuova Zelanda. Nel 1984 nasce la federazione europea, l'ETU (European Triathlon Union), mentre l'anno successivo, a Immenstadt, in Germania, si svolge il primo Campionato europeo (su quella che, suc­cessivamente, diverrà la distanza olimpica). Nel 1989, ad Avignone, in concomitanza con la prima edizione dei Campionati del mondo, sempre sulla distanza poi divenuta olimpica, nasce l’ITU (Inter­national Triathlon Union), la federazione mondia­le. Il triathlon fa il suo debutto olimpico ai Giochi di Syd­ney 2000. In Italia, la prima gara si svolge a Ostia nel 1984. Nel 1988 lo sport viene riconosciu­to dal CONI, diventando disciplina associata alla FIPM. L'anno successivo si svolgono a Bardolino i primi Campionati italiani su distanza olimpica. Nel 1998 il triathlon ottiene il riconoscimento di disciplina sportiva associata direttamente al Coni e dal 2000 la FITRI, la federazione di riferimento, è autono­ma.