combinata nordica

competizioni

 
 
combinata nordica doppia
 
 
Gare maschili di salto con gli sci e di sci di fondo
 
  • individuale NH

  • individuale LH 

  • a squadre LH

 
 
torinovancouver small

regole

Attualmente lo sport si divide in quattro tipi di prove: individuale Gundersen, sprint, partenza in linea, gara a squadre. Nella individuale Gundersen si eseguono 2 salti dal tram­polino e 15 km di fondo. Il punteggio nel salto è dato: dalla misura, 2 punti al metro per trampolini corti; 1,2 per trampolini lunghi; dallo stile, valu­tato da 3 a 30 punti; i distacchi in punti sono quin­di convertiti in tempi (15 punti equivalgono a un minuto). Il primo classificato nella gara di salto parte per primo in quella di fondo, seguito dagli altri, secondo i distacchi; chi taglia per primo il tra­guardo della prova di fondo vince la combinata. Identiche le modalità della prova di sprint, ma in questo ca­so la distanza della prova di fondo è di soli 7,5 km mentre il salto dal trampolino è solo uno. Nella gara con partenza in linea si disputa prima la pro­va di fondo, con partenza in gruppo; il primo classificato ottiene 120 punti, mentre a tut­ti gli altri vengono tolti 15 punti per ogni 60" di distacco; nel salto non si assegnano punti di stile e il punteggio è decurtato se chi salta cade o non ese­gue un atterraggio corretto. La gara a squadre ha le stesse regole della Gundersen, con 4 atleti per ogni rappresentativa nazionale. Nel salto ogni concorrente compie 2 prove, quindi il punteggio di squadra si stila su 8 salti; alla fine del­le prove di salto i distacchi si traducono in tempo (40 punti equivalgono a un minuto); in questo modo si determina l'ordine di partenza della pro­va di fondo, una staffetta 4x5 km.

Legenda per i risultati

NH = Trampolino normale (normal hill)
LH = Trampolino lungo (large hill).

La lunghezza di un trampolino non è calcolata misurando la struttura, ma la distanza tra la partenza e un punto del pendio a valle del trampolino. Esistono due punti: il punto K (dal tedesco K-Punkt, abbreviazione di Konstruktionspunkt, "punto di costruzione") è il punto di flesso del pendio a partire dal quale può iniziare l'atterraggio degli atleti. È espresso in metri e la misura indica la distanza dalla posizione di partenza al punto K; il punto HS (dall'inglese hill size - "misura del pendio") è il punto del pendio posto a un angolo di 32° rispetto alla linea orizzontale. Anche in questo caso la misura è espressa in metri e indica la distanza dalla posizione di partenza. Fino al 2004 per la classificazione dei trampolini era utilizzato il punto K, poi sostituita da quella per punto HS. In base alle diverse classi di misure si ottiene la seguente classificazione:

Classe del trampolino

Punto K

HS

Trampolino piccolo

<45

<50

Trampolino medio

45-74

50-84

Trampolino normale

75-99

85-109

Trampolino lungo

100-169

110-184

Trampolino per il volo con gli sci

≥170

≥185

storia

La combinata nordica viene inserita ai Giochi Olimpici del 1924
 
La Norvegia, dove ancora oggi viene considerata lo sport invernale per eccellenza, è il luogo di nascita della combinata nordica. Non è un caso, perché è consuetudine scandinava fondere due discipline molto impegnative a livello fisico in un unico sport, nel caso specifico il salto e lo sci di fondo; addirittura alle origini il salto con gli sci non era nemmeno considerato un sport autonomo. Infatti la prima competizione vera e propria di combinata nordica si svolse nel 1892 a Oslo, al primo Holmenkollen Ski Festival, evento che si svolge ancora oggi ogni anno, ma solo nel 1933 si svolsero ad Holmenkollen le prime gare di salto con gli sci non abbinate a prove di sci di fondo. La combinata fa la sua appa­rizione ai Giochi Olimpici invernali già dalla prima edizione di Chamonix del 1924. I Campionati del mondo si disputano dal 1925, la Coppa del mondo dalla stagione 1983-84. Tra i primi al mondo nella specialità ci sono gli atleti norvegesi, che hanno conseguito la stragrande maggioranza dei titoli. Fuori dalla Norvegia si è diffusa soprattutto in Finlandia, Germania, Austria e Giappone. Dal 1952 il regolamento della combinata nordica viene modificato, invertendo l'ordine delle discipline per aumentare la spettacolarità: prima il salto, poi lo sci di fondo. Nelle precedenti competizioni, infatti, chi riusciva a sciare infliggendo forti distacchi, affrontava il salto con meno impegno sapendo di mantenere comunque la testa della gara. Storicamente la combinata nordica è uno sport unicamente maschile; dopo il ricono­scimento da parte della FIS, nel 1998, delle gare femminili di salto, sono state organizzate anche competizioni femminili di combinata nordica, ma le donne sono escluse sia dalle Olimpiadi sia dai Mondiali. Oggi è quindi l’unica disciplina dei giochi invernali solo maschile.